progettazione dei processi

Se dovessimo cominciare da capo, come progetteremmo questo processo?

La progettazione o riprogettazione di processi si differenzia dall'ottimizzazione in quanto comporta una mutazione radicale e strategica nell'organizzazione aziendale.

È un cambiamento dirompente, spesso necessario per consolidarsi come leader del mercato o per adeguarsi ai propri competitors.

le fasi della progettazione dei processi

Questa tipologia di progetto si articola in 5 step:

  1. Pianificazione dell’intervento, per fissare gli obiettivi e ottenere il consenso interno. Viene inoltre raccolta la documentazione attinente ai processi attuali.
  2. Mappatura e analisi dei processi AS-IS. In questa fase il fine è descrivere i flussi procedurali di ciascun processo identificando i ruoli coinvolti, gli input, gli output, gli eventuali colli di bottiglia e carenze prestazionali. In questo momento non vengono ancora avanzate proposte di miglioramento, ma viene solamente fornita un’analisi realistica dello stato attuale.
  3. Progettazione dei processi TO-BE. A questo punto vengono formulate le ipotesi di miglioramento, valutati gli impatti e i benefici e vengono decise le azioni di miglioramento. Vengono quindi ridisegnati i processi ed individuati i progetti da avviare, con l’analisi di tempi, risorse e costi implicati da ciascun progetto.
  4. Implementazione del piano di transizione. Questa è la fase più delicata in quanto potrebbero manifestarsi le prime e più forti resistenze al cambiamento.
  5. Miglioramento continuo dei processi ridisegnati. Una volta che i processi sono stati ridefiniti si procede introducendo miglioramenti incrementali secondo il ciclo PDCA.